Cristiano Pellegrini

Quella notte al Giglio

12.00

Collana: ,

 

Disponibile su
1000

499

1200

1200

1200

Descrizione

“La gente del Giglio è gente meravigliosa. Come tutti gli isolani all’inizio sembrano un po’ chiusi, ma dopo ti danno il cuore. Come hanno fatto quella notte” (Uto Ughi)

Venerdì 13 gennaio 2012. L’isola del Giglio, suo malgrado, diviene protagonista di uno dei peggiori disastri della marineria di tutti i tempi.  E finisce sotto i riflettori di tutto il mondo.

Sono le 21.42 quando la nave da crociera Concordia, l’ammiraglia della Costa Crociere, impatta contro gli scogli de “Le Scole”, a poche decine di metri da Giglio Porto. Nelle ore che seguono, il dramma del naufragio di quattromila passeggeri, per alcuni di loro non ci sarà salvezza.

Di fronte ad una babele di uomini, donne e bambini, sbarcati improvvisamente sul molo, i gigliesi non stanno a guardare. Come Mario che, senza pensarci due volte, sale a bordo per rimanerci fino all’alba; Valeria che apre la scuola per accogliere i naufraghi; don Lorenzo che veste i bagnati con i paramenti sacri, Tiziana che apre il bar e si mette alla macchina del caffè, come il capo dei vigili Roberto che invita il comandante Schettino a risalire a bordo. O come il primo cittadino, Sergio, che da terra coordina i soccorsi.

Questo volume, curato dal giornalista Cristiano Pellegrini, che per conto del Comune del Giglio ha seguito da subito la vicenda, si compone della cronaca ma anche delle più significative testimonianze di chi ne è stato protagonista, cittadini comuni, volontari, soccorritori, ed anche dei giornalisti che hanno vissuto e raccontato il dramma. Dopo quella  notte per nessuno di loro niente sarà più come prima.

Menzione speciale Premio «Carlo Marincovich» 2013 per originalità, chiarezza di scrittura, dettaglio ed emotività dei testi.

Dettagli

Formato

12×21, ed e-book su iTunes

Anno

2012

Pagine

128

ISBN

9788896905081

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Quella notte al Giglio”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *