Luigi Oliveto

Giovanni Pascoli. Il poeta delle cose

12.00

Collana:

 

Acquista su
1000

1200

1200

1200

Descrizione

Consolatoria, antiletteraria e consacrata alla memoria, la poesia di Giovanni Pascoli mostra, al contempo, semplicità e forza innovativa. Nell’anno del centenario della morte, Luigi Oliveto ci accompagna alla scoperta della tormentata esistenza del poeta e ci guida ad una rivisitazione del suo universo lirico.
In un continuo migrare, tanti sono i luoghi cui il Pascoli si lega a filo doppio, a partire da San Mauro di Romagna, paese natale; a Firenze, dove termina gli studi liceali; quindi a Bologna, vissuta sia da studente universitario sia, anni dopo, come professore succeduto al posto di quel Giosuè Carducci che era stato suo docente di letteratura italiana. E poi le diverse città che, a vario titolo, lo avevano visto come insegnante: Matera, Massa, Livorno, Pisa, Messina. E Barga, di cui diviene cittadino onorario e il cui microcosmo troverà puntuale racconto nella sua produzione poetica.
Ripercorrendo l’inscindibile intreccio tra vita e opere, sarà possibile comprendere il valore, i limiti, la complessità di questo poeta che D’Annunzio ebbe a definire “il più grande e originale poeta apparso in Italia dopo Petrarca”.

Dettagli

Formato

12×21

Anno

2012

Pagine

202

ISBN

9788864332666

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Giovanni Pascoli. Il poeta delle cose”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *